Uscire dalla coaching confusione

La carota e il bastone sono motivatori pervasivi e persuasivi. Ma se si trattano le persone come asini, allora loro si comporteranno da asini. John Whitmore

Da tempo si sente parlare di Coaching e attorno a questa parola è presente una confusione incredibile. Ma da cosa è data questa confusione?

Ci arriviamo subito..

Il termine Coach significa allenatore e questa parolina viene utilizzata in più campi e settori. Infatti, la sentiamo all’interno di aziende, di centri sportivi, nel network marketing,  e  perfino da chi si occupa di alimentazione.

Dunque quando si sente parlare della figura del Coach non si sa esattamente cosa significa nello specifico fino a quando il Coach stesso non si esprime a riguardo.

Ma ciò di cui voglio parlarti oggi è il coaching quello vero, quel coaching che ha aiutato milioni di persone a raggiungere i propri obbiettivi personali e aziendali ma spesso anche sportivi.

Vedremo inoltre la differenza tra il coaching e la psicologia, poiché anche in questo caso si cade nella confusione.

COACHING VS PSICOLOGIA

Il coaching quello vero è un metodo che consente di raggiungere tutti gli obbiettivi futuri. Aiuta le persone nel raggiungimento dei propri traguardi, nel superamento di ostacoli, nell’abbattimento di convinzioni limitanti e false credenze che impediscono l’ottenimento del traguardo desiderato.

Il coaching si focalizza sulle possibilità future e non sugli errori del passato.

John Whitmore

In base alla natura dei propri obbiettivi il coaching assume nomi differenti.

Se si tratta di obbiettivi di natura personale il coaching viene definito Life Coaching;

Se si tratta di obbiettivi di natura lavorativa il coaching viene definito Business Coaching;

se invece gli obbiettivi sono di natura sportiva il coaching viene definito Sport Coaching.

La psicologia è una disciplina che studia la mente ed il comportamento, pertanto si occupa dei traumi subiti nel passato ma anche nel presente.

La psicologia aiuta a risolvere problemi di natura psicologica, tra i più comuni troviamo ansia e depressione.

Mentre nel coaching si lavora per raggiungere obbiettivi futuri, lo psicologo aiuta il cliente a risolvere problemi o traumi passati e presenti.

L’INCONTRO

L’incontro tra il Coach e il suo cliente viene definito “sessione di coaching”. Le sessioni di coaching vengono percepite dal cliente in modo positivo e propositivo, perché egli si rivolge al coach per raggiungimenti di obbiettivi e non traumi da superare. 

L’incontro tra psicologo e cliente viene definito “seduta” ed è molto diverso dal coaching proprio per la differenza degli argomenti trattati. Spesso non è un piacere andare dallo psicologo, sia perché in molti casi si ha la credenza che chi va dallo psicologo sia matto, sia perché parlare del proprio problema, stato d’animo o trauma può risultare parecchio doloroso.

IL RAPPORTO

Il Coach crea un rapporto quasi “amichevole” con il proprio cliente basato sulla fiducia e sul dialogo. Il Coach sostiene e motiva le persone che si rivolgono a lui/lei. Egli è sempre pronto per aiutarti e spronarti nel raggiungimento dei tuoi traguardi.

Il rapporto tra psicologo e cliente il più delle volte non è per nulla “amichevole” ma è un rapporto di tipo formale dove ci si dà del “lei”. Ovviamente come in tutti i campi esistono le eccezioni.

COME DIVENTARE COACH PROFESSIONISTA

Per poter svolgere l’attività di Coach è opportuno frequentare una Scuola Riconosciuta dall’associazione di categoria, associazione regolamentate dal ministero dello sviluppo economico e successivamente iscriversi come socio all’interno dell’associazione. 

Se vuoi diventare anche tu un Coach Professionista segui i corsi di coaching della più importante Scuola Riconosciuta Italiana.

Il vero coaching può essere trasmesso ed insegnato solo da veri coach professionisti.

Inizia Oggi! Dai vita ai tuoi Sogni!

Contattami per maggiori informazioni, senza alcun impegno.